Consiglio del 28.09.2017 – Report

All’ordine del giorno dell’ultimo consiglio comunale (28.09.2017) c’è stata parecchia carne sul fuoco ed anche per questo è durato ben oltre le 4 ore.
Protagoniste sono state le “linee programmatiche di mandato, obbligatorie per legge, che sono una sorta di riproposizione del programma elettorale dove si declinano tutte le azioni che si vorrebbero portare a termine nei prossimi 5 anni.
Tra queste, sperando che veramente vengano realmente realizzate, non posso che citarvi le seguenti che, guarda caso, sono cavalli di battaglia proprio del Movimento 5 Stelle di Capena:

  • il BARATTO AMMINISTRATIVO, che rappresenta l’unico modo per ridare al cittadino, che si trova in difficoltà economica e non ha quindi la possibilità di onorare le tasse ed i tributi locali, di rendersi utile per la sua comunità, trasformando il suo debito in ore da dedicare allo svolgimento di lavori socialmente utili;
  • la TRASPARENZA AMMINISTRATIVA, dove questa dovrebbe risponde alla domanda che tutti i capenati si fanno: “I soldi delle mie tasse, dove vanno a finire?”.

Tralasciando altri punti in comune, come la PARTECIPAZIONE inclusiva ed orizzontale, comitati di quartiere, incontri pubblici, decentramento di alcuni uffici comunali, eccetera, aspettando di sapere attraverso il DUP (Documento Unico di programmazione) in che modo verranno praticamente realizzati, ho richiesto alcune delucidazioni sui seguenti temi posti all’attenzione del Consiglio:

FARMACIA  COMUNALE

“Il Comune sta valutando di affidare in concessione, tramite bando, la gestione della farmacia a un privato, mantenendone la titolarità e assicurando all’Ente un canone annuale di concessione garantendo non solo un utile economico ma anche un miglioramento del servizio al cittadino in termini di efficacia ed efficienza.”
Ringraziando il Commissario che ha bloccato di fatto la vendita della Farmacia Comunale, questa ipotesi potrebbe essere presa favorevolmente in considerazione se verrà ridefinito il ruolo del farmacista, che a tutt’oggi, risulta un dipendente comunale. Come farete?
La risposta fornita dall’Assessore al Bilancio è stata alquanto evasiva rimandando il “problema” alla successiva stesura del bando.

URBANISTICA

“Ricognizione delle convenzioni urbanistiche ancora oggi irrealizzate”.
Finalmente vedremo concludersi tutte quelle convenzioni edilizie che hanno devastato il nostro territorio senza portare beneficio ai capenati, vedi Scoranello, viale degli ulivi, 167, ecc..?
Nessuna risposta.

TRASPORTI

“In relazione alle politiche di Trasporto pubblico a favore dei nostri cittadini (TPL, Cotral, Trasporto scolastico, etc…) si porrà particolare attenzione all’efficientamento ed ampliamento servizio TPL anche in associazione con altri comuni e con Servizio Regionale con l’obiettivo di garantire a tutti i cittadini di Capena (zona urbane ed extraurbana) il diritto alla mobilità sia per i normodotati che per i portatori di handicap.”
Anno scolastico nuovo, problemi vecchi. Autobus strapieni e poche corse. Non si potrebbe andare in Regione e ridiscutere il kilometraggio, con il raddoppio di alcune corse? Nel frattempo perchè non utilizzare i 3.000 km annui gratuiti offerti in sede di gara dalla dittà affidataria del TPL?
L’assessore ai Trasporti ha riferito che sarebbero in corso riunioni ed incontri sul tema….

LAVORI PUBBLICI

“Riqualificazione ed ampliamento del giardino incluso tra piazza della Libertà e piazza 2 agosto”

E’ stato richiesto se, finalmente, si conclude la CONVENZIONE SERILLI ?(convenzione rep. 2042 del 03/08/2015, scaturita dalla deliberazione di consiglio comunale n. 5   del  16-03-2015 avente ad oggetto : “APPROVAZIONE DEL PROGETTO “GARDEN CENTER” IN LOC. SCORANELLO – APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE E LA GESTIONE DEL “GARDEN CENTER” E DEI GIARDINI DI PIAZZA DELLA LIBERTA’ E PIAZZA 1° MAGGIO).

Nessuna risposta.

ACEA ATO 2

A che punto sono i lavori per il passaggio del Sistema Idrico Integrato del Comune di Capena all’ACEA ATO 2?

Il consigliere delegato ha riferito che stanno lavorando alacremente per spuntare condizioni favorevoli per il nostro Comune, ma ancora non si è arrivato ad una definizione…

PROGETTO SPRAR e attivazione.  

Tra i Servizi Sociali, obiettivo “Migliorare e razionalizzare i servizi rivolti ai cittadini con particolare attenzione alle fasce più deboli del nostro tessuto sociale“, troviamo, in fondo in fondo, l’attivazione di questo progetto SPRAR, acronico che sta per Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati.

Sul perchè di tale progetto l’assessore ai servizi sociali ha riferito che si tratta di una iniziativa portata avanti dal Commissario Straordinario, il quale accortosi che sul nostro territorio erano presenti alcuni C.A.S. (Centri di Accoglienza Straordinaria, di norma esperiti da privati che rispondono ad un bando pubblico della Prefettura), ha dato avvio al progetto, il cui scopo sarebbe anche quello di limitare il numero di richiedenti / rifugiati da accogliere sul territorio del Comune. Il numero massimo che potrebbe arrivare a Capena è di 39 unità, normalmente nuclei familiari, che con l’ausilio del Comune si dovrebbero integrare nell’arco di tre anni. Il contributo dato al Comune sarebbe di € 900.000.

A specifica domanda su dove verranno alloggiati tali nuclei familiari, la risposta è stata: in abitazioni private!!

Non conosco i contenuti del progetto presentato, ma navigando sul sito web dello SPRAR (link http://www.sprar.it/aderire-alla-rete-sprar-3), si fà riferimento, come elemento essenziale per poter fare la domanda di adesione al progetto, “alla pluriennale e consecutiva esperienza” nel settore*. Il Comune di Capena ce l’ha?____________________________________________________
*L’ente attuatore e il requisito della pluriennale esperienza
L’ente locale titolare di uno SPRAR può avvalersi di uno o più enti attuatori selezionati attraverso procedure espletate nel rispetto della normativa di riferimento.Come disposto dall’art. 21 comma 2 del Decreto del 10 agosto, gli enti attuatori “devono possedere una pluriennale e consecutiva esperienza nella presa in carico di richiedenti/titolari di protezione internazionale, comprovata da attività e servizi in essere, al momento della presentazione della domanda di contributo, nonché, nel caso di servizi di accoglienza per minori stranieri non accompagnati, dimostrare la pluriennale e comprovata esperienza nella presa in carico di tale tipologia di soggetti”.

COMMERCIO E SVILUPPO

“Ridefinizione della possibilità di attuazione del progetto di un’area produttiva nel momento della formazione del Piano Regolatore.”

La domanda è stata: Ma è necessario? Se abbiamo una zona artigianale che ancora non è riuscita a decollare, ci serve una zona industriale? Sono state programmate tutte le strutture viarie per renderla eventualmente competitiva con quella limitrofa di Fiano Romano?

Risposta: la zona artigianale  c’è, mancano solo imprenditori che ci vogliono investire. Poi nient’altro….

PUBBLICA UTILITA’

“Nettezza urbana – raccolta porta a porta: efficientamento del servizio e controlli costanti della regolarità del servizio – Efficientamento servizi cimiteriali – Realizzazione nuova Isola ecologica.”

E’ stato chiesto a che punto era la definizione del bando di gara per il servizio di raccolta porta a porta (ricordiamo che il nuovo valore della base d’asta è di € 7.242.873,88 oltre IVA, per 5 anni), nonché a che punto sono i lavori per la realizzazione del nuovo Ecocentro (progetto finanziato due anni fa con fondi della Città Metropolitana).

Il consigliere delegato ha riferito che finalmente si era giunti alla definizione della commissione di gara e che a breve si sarebbe passato all’esperimento vero e proprio con l’apertura delle buste d’offerta, mentre per quanto riguarda l’isola ecologica, il Comune ha partecipato ad un bando di gara per la realizzazione di una stazione di compostaggio all’interno della stessa isola, e quindi si stà aspettando l’esito.

NOMINA DELLE COMMISSIONI

Finalmente, dopo tre mesi, si è giunti alla nomina dei componenti delle Commissioni Consigliari permanenti, questi i nomi:
1^ Lavori Pubblici e Trasporti: Vecchiotti, Pelliccia, LANUTI
2^ Urbanistica e Attività Produttive: Egidi, Scarafoni, Paris
3^ Bilancio, Tributi e Patrimonio: Campanale, Baldazzi, Paganelli
4^ Servizi generali e Servizi sociali: Baldazzi, Rizzo, Pagliuca

Inoltre questa amministrazione ha deciso di costituire due Commissioni Consultive su due particolari temi, di seguito i nomi:

CASE POPOLARI Vecchiotti, Egidi, Alei, Brancato
Paris, Ristich
RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA Pelliccia, Betti, Bannoni, Ciobotaru
LANUTI, Pagliuca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *