ER CRESSIDRA

Mo lui sta sempre cor cagnetto accanto,
se tigne er pelo, ma se sa, è canuto.
Er prete è pronto già cò l’ojo santo,
ma lui ‘n s’accorge che er tempo è scaduto.
Sarà che più je taji la capoccia,
più lui ariciccia e torna a fà bisboccia.

Forze se penza d’esse ‘n immortale,
ma er tempo ‘n guarda ‘n faccia a chicchessia.
C’è chi a vedello s’è sentito male,
è vero nun ve dico ‘na bucia.
Puro si crede d’esse comme l’Idra,
a Roma già lo chiameno er cressidra.

Abbate Luiggi
28/01/18

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *