ER GRAN BORDELLO

Da quanno ch’è sortito er Rosatello,
sapevamo che, doppo l’ elezzione,
sarebbe stata ‘na gran confusione,
o, pe’ dillo vorgare, un gran bordello.

Che tutta ‘sta manfrina, quest’è er bello,
serviva a lassà noi a l’opposizzione.
Comunque pò finì, mo, ‘sta quistione,
sicuro j’amo rotto er giocarello.

Nun ve volemo più, brutti ladroni,
così s’è espresso er popolo itajano,
o, vorgarmente: – For da li cojoni ! -.

Mo Mattarella cià da mette mano
e dinnanzi a ‘sta massa d’accattoni,
riconosce che er popolo è sovrano.

29/03/18
Abbate Luiggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *