ER MI BABBO

Nun dite che er mi babbo è un delinquente,
lui me torse le rotelle e io, sicuro,
salito in bici ho infrociato un muro.
La botta in testa de quell’incidente

me fece sentì quasi onnipotente.
Er babbo già penzava ar mio futuro,
me portava a arbitrà pe’ famme duro
e me diceva che se poi la gente

me rincoreva pe’ pijamme a botte,
annava bene, che m’abbituavo.
Io chiedo mo, prima che se fa notte,

pena doppia si babbo cià tradito.
Una si er tribbunale se lo fotte
e ‘n’ antra, poi, pe’ avemme concepito.

06/03/17
Abbate Luiggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *