ER PRESIDENTE

‘Sto presidente novo è democratico,
nun pija l’auto blu, ma l’autobusso.
Io sò de parte, ma me sta simpatico,
è uno comme noi, nun sfoggia lusso.
E m’addormo cò la mia fantasia
de un parlamento senza ipogrisia.

Er sonno me straporta dentro a ‘n sogno
indove er parlamento è spalancato
a quarziasi cittadino cià bisogno.
Ognuno ce pò entrà e esse ascortato.
Ma questo è gnente, qui pò avè audizzione
quarzivoja animale cor padrone.

E vedo un cane, un gatto, un pappagallo,
‘na festa d’allegria, de libbertà.
Là ce sta uno che sta in groppa a ‘n cavallo.
‘no stormo d’ucelletti a svolazzà,
un antro s’è portato ‘na crapetta.
Ma qui ce sta l’intoppo, che disdetta.

Pe’ la puzza c’è tutto un fuggì via.
A presidè, ce vò un provedimento.
Er presidente, visto er parapia,
te fa un decreto ar volo, in un momento,
pe’ fa che in parlamento nun ritorna
nisun che sia animale cò le corna.

Figurete a ‘sto punto lo sgomento.
Cò le corna da noi poi intenne tutto.
Sò corna d’osso oppur de tradimento?
O è un modo pe’ indicà chi è farabbutto?
Fattostà che de botto, in un momento,
je s’è svotato tutto er parlamento.

10/04/18
Abbate Luiggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *