Facciamo EcoScuola – Il Progetto che non c’è

Il 22 novembre scorso ho presentato al Dirigente Scolastico e al Sindaco di Capena, il progetto “FACCIAMO ECO SCUOLA“, una iniziativa del Movimento 5 Stelle volta ad incentivare il tema della sostenibilità ambientale nella scuola, che vedrà il suo epilogo con le votazioni on line sulla piattaforma Rousseau da domani 14 maggio 2020.

Con i fondi accantonati dalle restituzioni degli stipendi dei parlamentari e dei consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, si sono voluti sostenere i progetti presentati da tutte le scuole d’Italia rientranti nei seguenti argomenti:

  1. Riduzione dell’impronta ecologica per l’efficientamento energetico e fonti rinnovabili (ad esempio installazione di impianti fotovoltaici e solare termico sui tetti della scuola); riduzione dei rifiuti e/o loro recupero/riciclo/riuso; installazione di impianti di compostaggio di comunità per scuole; riduzione del consumo e/o recupero dell’acqua; promozione e riutilizzo di prodotti a km zero e riduzione dello spreco alimentare.
  2. Interventi di messa in sicurezza dei locali scolastici con particolare riferimento ad aule, laboratori didattici e palestre, incluse le indagini diagnostiche sugli edifici; rimozione di amianto; opere direttamente finalizzate al superamento o all’eliminazione delle barriere architettoniche.
  3. Mobilità sostenibile per il trasporto collettivo casa-scuola (acquisto scuolabus), o progetto “bicibus” e “pedibus” allo scopo di incentivare il trasporto sostenibile a piedi o in bicicletta.
  4. Percorsi formativi aventi per oggetto l’educazione ambientale ad esempio l’incremento dell’attuale proposta formativa (se già presente) e/o nuovi percorsi formativi condivisi tra il corpo docente e le famiglie degli studenti.
  5. Rigenerazione degli spazi scolastici come il loro utilizzo per iniziative culturali, sociali e aperte alla comunità; piantumazione e forestazione urbana; realizzazione di orti scolastici.
  6. Giornate per la sostenibilità, ovvero all’aria aperta finalizzati al recupero e alla pulizia.

I fondi messi a disposizione per la Regione Lazio sono stati oltre 460 mila euro, che saranno ripartiti tra i progetti vincitori nelle diverse categorie con premi da 10 e da 20 mila euro.

Sono stati oltre 1.000 i progetti presentati in tutta Italia, ma purtroppo quello dell’Istituto comprensivo di Capena NON C’E’…

COME MAI?

Le risposte potrebbero essere diverse… ad esempio: perchè è un’iniziativa del Movimento 5 Stelle e quindi va’ comunque boicottata? …. oppure: la nostra Scuola non ha bisogno di niente? …. o anche: pur avendo bisogno di tutto non si è stati in grado di preparare un progetto valido da presentare?….

Nel ribadire che si è trattata, comunque, di una occasione persa per Capena, lascio al lettore trarre le proprie conclusioni.

Consigliere M5S Giovanni Lanuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *