IO SPERAMO CHE ME LA CAVO

 

Nun s’è mai visto un tale guazzabujo,
nun posso dì che nun me l’aspettavo.
Comm’ esci Mattarè da ‘sto ciafrujo?
Dichi: “ Io speramo che me la cavo?”
Nun saperebbe manco er Padreterno
siccome potè fà a dacce ‘n governo.

Mo tutti in campo pe’ sarvà l’Itaja,
doppo avella affogata ne la cacca.
Sò puro pronti ar sarto de la quaja,
pe’ la patria cammià idea e casacca.
E noi n’arivedremo delle belle,
su le saccocce nostre e su la pelle.

E così, cò eroica abnegazzione,
sò tutti pronti pe’ potè annà ar governo.
Mica pe’ loro, ma pe’ la nazzione,
spinti da amore patrio sempiterno.
Er Piddì dice: “ Sto all’opposizzione,
ma ho da dà la mia benedizzione.

E poi ce sta la solita minestra,
de quelli che, esciti dar portone,
ce sò rientrati ahò da la finestra.
E tutti lì, a aumentà la confusione.
Ma è inutile che ce giramo attorno,
troppi galli a cantà ‘n se fa mai giorno.

Abbate Luiggi
09/03/18

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *