LETTERA AR PADRETERNO

Mo nun la prenna pe’ ignoranteria,
lo capisco che Lei cià artro da fà,
ma vengo cò questa mia a perorà
la causa de ‘na categoria

che ‘n cià più sguazzo pe’ fà ironia.
Grazzie pe’ Sirvio, er Bomba, Cirinnà,
er Trota e li leghisti, Santità,
ma questi nun sò più jottoneria.

Io un nome ce l’avrei, Domineddio,
appetto a questi nun c’è paragone,
potrebbe sembrà ‘n omo saggio e pio,

giusto onesto e cò bona educazzione.
Pe’ buttà giù du’ verzi a modo mio,
a Pasqua me resuscita Nerone?

20/03/17
Abbate Luiggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *