L’INGIUSTIZZIA

Lo sò, sete invidiosi e cò raggione,
dite che nun è giusto, che nun vale,
si “quella“ move un dito è sur giornale,
e noi, che peggio nun ce sta ladrone,

pe’ potè avè ‘n’ anticchia d’attenzione,
dovemo da accasasse in tribbunale.
Mo ‘st’urtimo poraccio tale e quale,
l’accusa è de concorzo in coruzzione.

Du’ righe e senza mettece er cognome,
Tizziano, e manco ‘na fotografia.
Ma perchè ‘st’ingiustizzia, ‘n se sà come.

‘Sto giornalismo quà è ‘na porcheria,
vennuti si li voi chiamà pe’ nome,
capaci de ‘na sola zinfonia.

17/02/17
Abbate Luiggi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *