MALAFEMMINA

A Roma ce sò buche, c’è monnezza,
er trafico, lo smog, l’inquinamento,
si aspetti er tranve poi avè un mancamento,
trovà parcheggio è quasi ‘na prodezza.

Si sei foresto l’Urbe te battezza,
si superi ‘ste prove, ‘sto cimento,
Roma t’accoje cò tutto er sentimento
e poi t’encanta cò la sua bellezza.

E’ così da quann’ero regazzino.
Mo ‘nventeno le balle più bislacche,
dicheno:” Chi amministra è un burattino

che ce sa arifilà solo patacche “.
C’è chi prevede er castigar divino
e ‘na granne moria, poi, de le vacche.

25/02/17
Abbate Luiggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *