NUN E’ PE’ CATTIVERIA

Tu dichi che er politico è buciardo,
che nun mantiene quello che promette,
e che ‘na vorta eletto, poi scommette,
da galantomo te se fa bastardo.

Nun ciai tutti li torti, che, ar riguardo,
‘na vorta che amo messo le crocette,
nu’ je servimo più e le cose dette,
sfuggheno comme palle de bijardo.

Nun è pe’ cattiveria, è scordarello,
e, defatti, più assai prima che poi,
si jeri ce chiamaveno” fratello “,

dicenno: – Semo tali e quali a voi -,
appena che ciappoggeno er cappello,
se scordeno da esse comme noi.

31/03/18
Abbate Luiggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *