LA SCERTA

Restamo uniti, senza stà vicini,
abbracciamese, ma senza abbraccicasse,
pe’ salutasse famese l’inchini,
dell’antro nun c’è gnente da fidasse.
Lavete le mano, stai lontano,
però senza lavattene le mano.
 
Basta er sapone, ma è mejo annà sicuri,
e sò spariti li disinfettanti.
È mejo mantenesse linni e puri, 
nun se troveno più manco li guanti.
Nun l’aveveno fatto fino a jeri,
mo tutti pizzajoli e panettieri.
 
Stateve all’aria aperta, camminate
pe’ rafforzà er sistema immunitario.
Però, si esci, te pijeno a sassate,
devi da escì solo si necessario.
Metteteve d’accordo, sarvognuno,
vabbè esci poco, ma nun fà riduno.
 
Puro si nun ce sto a capì più gnente,
c’è ‘na cosa ch’è chiara, questo sì,
io temo meno er virus de la gente.
Si ‘n sia mai, me venisse da tossì,
me trattengo fino a esse soffocato,
o risico d’annà a morì ammazzato? 
 
21/03/2020
Carlo Renzi
 

LA SOLA

Mentre che sistemavo la cucina,
stavo a penzà a ‘sti fatti allucinanti
de ‘sto virus venuto da la Cina.
A li decreti de li governanti.
Abbada si quarcuno s’avvicina,
chiusi li bar, teatri e ristoranti,
chiuse le scole, cerimonie e chiese,
guai si t’azzardi a escì dar tuo paese.
 
Penzavo: Nun me manca er sagramento,
teatri e ristoranti uno ogni tanto,
er bar nun è che tanto lo frequento
e si me ne sto a casa sto d’incanto.
Però le scole chiuse sò un tormento.
Te chiederai perchè m’angoscio tanto?
E’ che nun ciò l’età più pe’ annà a scola,
puro ‘stavorta pijerò ‘na sola.
 
10/03/2020
Carlo Renzi